Il Tantra e la sessualità (4)

La cosa più sbagliata e riduttiva è quella di pensare al Tantra in termini sessuali.Nella tradizione tantrica esistono due percorsi : il Dakshima Marga (Tantra della mano destra) e il Vama Marga (Tantra della mano sinistra).Il primo è l’unico percorso realmente insegnato nelle scule di Yoga e differisce da quello non tantrico,oltre che per una diversa concezione filosofica e cosmologica, anche per le tecniche praticate.Nel Tantra si utilizzano mantra,yantra (visualizzazioni di forme geometriche particolari);il lavoro stesso sui chakra appartiene al Tantra.Sono in molti a praticare forme di Tantra Yoga senza saperlo!!  Il Vama Marga non è insegnato da nessuna scuola, ma è trasmesso direttamente da maestro a discepolo.Questo prevede in effetti l’uso del rapporto sessuale ritualizzato,ma ha un senso solo per i praticanti che hanno completamente trasceso il desiderio sessuale.In assenza totale del desiderio è possibile utilizzare l’energia sessuale per scopi spirituali.La sessualità in questo caso è totalmente subordinata alla spiritualità.Ricordo che le tecniche, più o meno valide , etichettate come Tantra e che hanno il fine di migliorare la sessualità non hanno nulla a che fare con il Tantra!

L’energia sessuale può essere usata per il piacere e la procreazione, ma anche all’interno di rituali come tecniche di meditazione.Quando ci si unisce a una persona del sesso opposto praticando meditazioni tantriche si può raggiungere uno stato di beatitudine e pace sperimentando espansione e liberazione.Il sesso è una via che ,tantricamente, andrebbe intrapresa quando il desiderio sessuale è stato completamente trasceso.   Si ritorna quindi al concetto di Brahmacharya (portare l’energia sessuale verso qualcosa di più alto),però utilizzando il sesso anzichè evitarlo.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.